SPANDAU BALLET – IL RITORNO

Spandau Ballet. Finalmente dopo molti anni di assenza, sulla scena musicale, torna il famoso gruppo inglese, formatosi alla fine degli anni Settanta, conosciuto come Spandau Ballet. Hanno annunciato il loro ritorno dal vivo con un tour internazionale che arrivera’ anche a Padova, esattamente al PalaFabris, nella sola data di venerdi 27 marzo 2015. La formazione originaria del gruppo non e’ mai cambiata e quindi rivedremo sul palco i fratelli Gary e Martin Kemp, il sassofonista e percussionista Steve Norman, il cantante Tony Hadley, il batterista John Keemble e vi e’ un componente in piu’, il tastierista Toby Chapman, sesto membro ufficiale degli Spandau. Verra’ rinnovato il sodalizio con David Zard, che gia’ nel 1985 e poi nel 1986, 1987 e infine nel 1990 fu l’organizzatore delle tourne’, e che ne consacrarono il successo.

Altra grande novita’ sara’ l’uscita del film intitolato Soulboys Of The Western World, gia’ acclamato dalla critica e dal pubblico inglese. Questo film segna la prima volta in cui la loro storia viene documentata in un film. Proprio durante l’anteprima del film, il 30 settembre scorso, la band si riuni’ sul palco del Royal Albert Hall, per la prima volta dall’album True del 1983, cantando alcune delle loro canzoni piu’ famose che furono alla base di un’intera generazione.

Il 14 ottobre 2014 e’ uscito il nuovo album The Story: The Very Best Of Spandau Ballet, una raccolta di tutti i loro piu’ grandi successi assieme a tre nuovissime canzoni, prodotte dal discografico Trevor Horn, tra cui compaiono i brani This is The Love e il singolo Steal. Il disco e’ stato prodotto dalla casa discografica Warner.

Nella loro carriera iniziale si erano ispirati alla musica funk e synthpop ma successivamente maturarono uno stile piu’ elegante e raffinato, soprattutto pop con sfumature rock. Appaiono dei tratti soul nelle melodie vocali e nell’uso del sax.

Il 12 febbraio 2015 il gruppo e’ stato ospite della terza serata del Festival di Sanremo cantando un medley di famosi canzoni quali True, Gold e Through the Barricades.

Discografia:

ALBUM

SINGOLI

  • To Cut a Long Story Short(1980)(Reformation Records)
  • The Freeze(1981)(Reformation Records)
  • Musclebound/Glow(1981)(Reformation Records)
  • Chant No.1 (I Don’t Need this Pressure on)(1981)(Reformation Records)
  • Paint Me Down(1981)(Reformation Records)
  • She Loved like Diamond(1982)(Reformation Records)
  • Instinction(1982)(Reformation Records)
  • Lifeline(1982) (Reformation Records)
  • Communication(1983)(Chrysalis/RCA)
  • True(1983)(Chrysalis/RCA)
  • Gold(1983)(Chrysalis/RCA)
  • Pleasure(1983)(Chrysalis/RCA)
  • Only When You Leave(1984)(Chrysalis/RCA)
  • I’ll Fly for You(1984)(Chrysalis/RCA)
  • Highly Strung(1984)(Chrysalis/RCA)
  • Round and Round(1985)(Chrysalis/RCA)
  • Fight for Ourselves(1985)(CBS)
  • Through the Barricades(1986)(CBS)
  • How Many Lies(1987)(CBS)
  • Raw(1988)(CBS)
  • Be Free with Your Love(1989)(CBS)
  • Empty Spaces(1989)(CBS)
  • Crashed Into Love(1990)(CBS)
  • Once More(2009) (Mercury Records)
  • This Is The Love(2014) (Chrysalis Records)

COMPILATION

14 febbraio 2015

About Mariangela Bognolo

Direttore artistico Retetop95, curatore, storico e critico d'arte.

Check Also

Kings & Queens

Boris Way – Kings & Queens (feat. Shibui)

Dopo il raggiungimento della #5 nella Shazam Electro World con il suo remix di “Running …