Addio a B. E. King, il re del soul

Quando sentiamo la meravigliosa canzone Stand by me, del 1961, immediatamente pensiamo alla voce del grande B. E. King re del soul.

Si è spento a 76 anni B. E. King, il cantautore e musicista statunitense che ha fatto la storia del pop e del soul. Ripercorriamo brevemente la sua carriera.

King nacque nel 1938 ad Hederson, nel North Carolina, e all’età di nove anni si trasferì a New York, più precisamente ad Harlem. La sua carriera ebbe inizio alla fine degli anni Cinquanta con il gruppo The Drifters che lasciò, successivamente, nel 1960. Da quel momento in poi assunse il nome d’arte di Ben E. King.

Nel 1961 la sua straordinaria voce, definita come “uno strumento che poteva adattarsi a qualsiasi tonalità”[1], fu premiata con un decimo posto nella classifica americana con la canzone Spanish Harlem. Dopo pochissimi mesi venne pubblicato il singolo, che tutti conoscono, Stand by me. Questa canzone entrò nel cuore del pubblico e “la versione italiana del brano,Pregherò, regalò ad Adriano Celentano un successo da un milione di copie”[2]. Il singolo fu scritto da King insieme a Leiber e Stoller e, nel 1961, la canzone arrivò a posizionarsi tra le prime cinque della classifica americana. Fu un vero successo tanto che il singolo fu riproposto da John Lennon nell’album Rock’nroll, del 1975, e da molti altri artisti.

Nel 1962 registrò un altro brano di successo dal titolo Don’t Play That Song (You lied). Questa canzone fu cantata anche in italiano da Ricky Gianco, con il titolo Tu vedrai. Il medesimo brano fu registrato, negli anni Settanta, anche da Aretha Franklin.

I suoi dischi si mantennero alti nelle classifiche fino al 1964, quando iniziarono ad apparire le prime pop band. Sempre nello stesso anno partecipò anche al Festival di Sanremo insieme a Tony Dallara.

Ricordiamo anche canzoni come Seven Letters, How Can I Forget e Young Boys.

La “voce incandescente di King”[3] è stata definita un classico della musica americana e rimarrà indelebile nella storia della canzone e in ciascuno di noi.

Discografia:

Album:

  • Spanish Harlem(1961, Atco) US: #57 UK: #30
  • Ben E. King Sings for Soulful Lovers(1962)
  • Don’t Play That Song(1962)
  • Young Boy Blues(1964)
  • Ben E. King’s Greatest Hits(1964)
  • Seven Letters(1965)
  • Rough Edges(1970, Maxwell)
  • The Beginning of It All(1972, Mandala)
  • Supernatural(1975, Atlantic) US: #39
  • I Had a Love(1976)
  • Rhapsody(1976)
  • Benny and Us(1977) US: #33?con Average White Band
  • Let Me Live in Thy Life(1978)
  • His Love for Her(1980) US: #73
  • Street Tough(1981)
  • Save the Last Dance for Me(1987, EMI-Manhattan)
  • Stand By Me: The Ultimate Collection(1987, Atlantic) UK: #14
  • What’s Important to Me(1991, Ichiban)
  • Shades of Blue(1993, Half Note)
  • I Have Songs In My Pocket(1998, Bobby Susser)
  • The Very Best of Ben E. King(1998, Atlantic) UK: #15
  • Person to Person: Live at the Blue Note(2003, Half Note)
  • I’ve Been Around(2006, True Life)

Singoli

  • Show Me the Way(1960)
  • How Often(1960) with Lavern Baker
  • Spanish Harlem(1961)
  • First Taste of Love(1961)
  • Stand By Me(1961)
  • Amor(1961)
  • Young Boy Blues(1961)
  • Here Comes the Night(1961)
  • Ecstasy(1962)
  • Don’t Play That song (You Lied)(1962)
  • Too Bad(1962)
  • I’m Standing By(1962)
  • Tell Daddy(1962)
  • How Can I Forget(1963)
  • I (Who Have Nothing)(1963)
  • I Could Have Danced All Night(1963)
  • What Now My Love(1964)
  • That’s When It Hurts(1964)
  • What Can A Man Do(1964)
  • It’s All Over(1964)
  • Around The Corner(1964)
  • Seven Letters(1965)
  • The Record (Baby I Love You)(1965)
  • She’s Gone Again(1965)
  • Cry No More(1965)
  • Goodnight My Love(1965)
  • So Much Love(1966)
  • Get In a Hurry(1966)
  • I Swear By Stars Above(1966)
  • They Don’t Give Medals to Yesterday’s Heroes(1966)
  • What Is Soul?(1966)
  • A Man Without a Dream (1967)
  • Tears, Tears, Tears(1967)
  • Don’t Take Your Sweet Love Away(1967) R&B: #44
  • We Got a Thing Goin’ On(1968)?
  • Don’t Take Your Love from Me?(1968)
  • Where’s the Girl(1968)
  • It Ain’t Fair(1968)
  • Til’I Can’t Take It Anymore
  • Hey Little One(1969)
  • I Can’t Take It Like a Man(1970)
  • Take Me to the Pilot(1972)
  • Into the Mystic(1972)
  • Spread Myself Around(1973)
  • Supernatural Thing Pt. 1(1975)
  • Do It in the Name of Love(1975)
  • We Got Love(1975)
  • I Had a Love(1975)
  • I Betcha you Didn’t Know(1976)
  • Get It Up(1977)
  • A Star in the Ghetto(1977)
  • Fool for You Anyway(1977)
  • I See the Light(1978)
  • Fly Away to My Wonderland(1978)
  • Music Trance(1979)
  • Street Tough(1981)
  • You Made the Difference in My Life(1981)
  • Stand By Me [ristampa](1986)
  • Spanish Harlem [ristampa](1987)
  • Save the Last Dance for Me[ri-registrato] (1987)
  • What’s Important to Me(1991)
  • You’ve Got All of Me(1992)
  • You Still Move Me(1992)
  • 4th of July(1997)

[1] ANDREA SILENZI, Addio a Ben E. King, l?autore di “Stand by me”, del 1 maggio 2015 e reperibile al seguente link http://www.repubblica.it/spettacoli/musica/2015/05/01/news/addio_a_ben_e_king_l_autore_di_stand_by_me_-113310576/?ref=fbpd

[2] Ibidem.

[3] Ben E King è morto: l’autore di Stand By Me aveva 76 anni, Huffington Post, 1 maggio 2015. Link consultato il 1 maggio 2015 e reperibile al seguente indirizzo http://www.huffingtonpost.it/2015/05/01/ben-e-king-morto_n_7188654.html

01/05/2015

About Mariangela Bognolo

Direttore artistico Retetop95, curatore, storico e critico d'arte.

Check Also

Kings & Queens

Boris Way – Kings & Queens (feat. Shibui)

Dopo il raggiungimento della #5 nella Shazam Electro World con il suo remix di “Running …